fbpx
Cina,  Scoperta

La tradizione del tè per il capodanno cinese

Tra i mesi di gennaio e febbraio di ogni anno, più di due miliardi di persone al mondo festeggiano quello che viene comunemente chiamato “capodanno cinese”. Il nome più corretto sarebbe però “nuovo anno lunare”: la data infatti coincide con la seconda luna nuova dopo il solstizio d’inverno ed è per questo che ogni anno può variare. Nello specifico in Cina, il principale (ma non l’unico!) Paese a celebrare questa festività, questo giorno prende il nome di “festival di primavera” perché coincide tradizionalmente con l’inizio di questa stagione.

I festeggiamenti per il capodanno cinese hanno una durata di circa 15 giorni, dal loro inizio con la vigilia del capodanno, fino alla festa delle lanterne. Ognuno dei 15 giorni di festeggiamento ha le sue tradizioni, dai regali alle preghiere, fino ovviamente al cibo e ai fuochi artificiali.

Quale tè bere per il capodanno cinese?

Il tè, così legato alle tradizioni dei popoli asiatici, ha ovviamente un ruolo importante durante il capodanno cinese. Secondo la tradizione, infatti, nel primo giorno del nuovo calendario lunare si svolge in casa la “cerimonia del tè dolce“. Si tratta della prima attività del primo giorno del nuovo anno: durante la cerimonia la famiglia si riunisce e le generazioni più giovani preparano e servono a quelle più mature il cosiddetto tè dolce, ricevendo in cambio una busta rossa con un regalo (normalmente denaro).

Il tè dolce è una preparazione a base di tè normalmente nero o pu’er, ma può essere anche un tè oolong o verde, a cui vengono aggiunti dei frutti dolci, al naturale o canditi, a simboleggiare fortuna, ricchezza e benessere per il nuovo anno. Non esiste una vera e propria ricetta per preparare il tè dolce per il capodanno cinese e ogni famiglia usa diversi tipi di frutti: tra i più comuni le giuggiole, i datteri, il goji, ma anche agrumi o fragole. Sul nostro profilo Instagram trovate qualche idea come queste, ma siamo curiosi di sapere come interpreterete questa usanza!

Se invece preferite usare un tè già aromatizzato, tenete a mente che nella cultura cinese i frutti più fortunati sono quelli di forma tondeggiante e di coloro rosso. Potrebbe allora essere una buona idea usare un tè verde alla ciliegia o un tè nero all’arancia rossa.

0